Chi siamo                                         indietro

    La sezione orientamento del Gaja nasce come costola di una società polisportiva che  da oltre 40 anni ha una presenza importante sul territorio del Carso triestino.
    La caduta del confine tra Italia e Slovenia offre straordinarie occasioni per lo sviluppo del nostro sport, anche con  la creazione di nuovi impianti nei boschi a cavallo tra i due paesi.
    Proprio con questo  spirito, la nostra prima iniziativa e' stata  una gara promozionale  chiamata "Corsa senza confine", ai primi di gennaio 2008,  con percorsi transfrontalieri, il nostro modo di  salutare un nuovo capitolo della storia senza piu' sbarre di confine.

I nostri atleti



La IV Gaja Assemblea (come sempre, con grande abbuffata)

Il 16/12/ 11 c'è stata l'annuale gaja assemblea con tradizionale jota presidenziale.  Abbiamo registrato un bilancio positivo, ma sappiamo anche che ci aspetta un anno molto impegnativo con l'organizzazione della Coppa Italia. (v. relazione).
Confermati i dirigenti dell'anno scorso: Fulvio Pacor presidente, affiancato da Peter Ferluga e Alessio Rozzi. La novità è che abbiamo anche il medico sociale: la nostra Emmanuela.
Nella foto qui sopra vedete il sorriso un po' tirato dei pochi eroi rimasti a riordinare e pulire la sala del nostro banchetto.



La III Gaja Assemblea (con grande abbuffata)

Tra una forchettata e l'altra  siamo perfino riusciti a discutere di cose serie, il bilancio del 2010, le prospettive future, il rinnovo della dirigenza.

BILANCIO 2010
E’ stato un anno eccezionale sotto molti punti di vista. A partire dal nostro terzo posto a livello regionale. Un obiettivo raggiunto in soli tre anni di vita della società grazie alla costanza di coloro che hanno partecipato alle gare in regione e  in Slovenia,  nonchè alla... gloriosa trasferta in Austria. Questa partecipazione ha consentito una notevole crescita atletica e tecnica di molti dei nostri atleti.
Inoltre abbiamo raddoppiato il numero degli iscritti (agonisti e non), organizzato da soli o in collaborazione con altre società ben 4 gare, di cui una di Campionato italiano di Trail O,  un corso per ragazzi e numerosi allenamenti.
Tra i risultati positivi: il varo di un progetto interreg, voluto dal Comune di Trieste, che vedrà Gropada dotarsi di un percorso fisso di orienteering con bacheca vicino l’agriturismo.

PROSPETTIVE 2011
Tra poco sapremo se è stata accolta la nostra richiesta di organizzare, per il settembre 2012, una gara a Gropada /Padriciano sulla nuova carta , come finale di Coppa Italia e Trofeo tre regioni. Potrebbe esserci una partecipazione di un migliaio di persone. In vista di questo appuntamento dobbiamo puntare molto alla crescita di responsabili tecnici. Per questo alcuni hanno fatto un corso di sport ident e origare e anche in futuro sfrutteremo ogni occasione di corsi per tracciatori, istruttori e direttori gara che il comitato fiso fvg vorrà organizzare. Penso che la società debba contribuire anche economicamente per favorire la partecipazione ai corsi.
E’ importante una buona divisione del lavoro, con responsabilità distribuite su più persone, come avviene già per la gestione del sito e delle iscrizioni.  A tal fine propongo che per i prossimi allenamenti si formino delle  squadre che organizzino delle vere e proprie piccole gare, tra di noi. Cio’ comporta di solito una notevole crescita tecnica individuale. 
Infine dovremmo sforzarci di studiare meglio  i percorsi di orienteering per bambini perchè abbiamo un parco di pulcini in attesa di scendere in pista che merita maggiore attenzione.

E infine, last, but not least, i nuovi dirigenti:
Fulvio Pacor (Presidente), Peter Ferluga e Alessio Rozzi

 In conclusione:siamo una società in crescita, che punta a ottenere risultati,  ma  il Gaja è soprattutto pieno di gente umanamente straordinaria e questo è uno dei motivi più importanti per i quali piace starci dentro. L’importante, insomma, è continuare a divertirci.

Le altre assemblee